Urrà per le donne tunisine: in Parlamento una legge contro la violenza sulle donne!

Tunisian_Women

Ieri è stata approvata nel Parlamento tunisino una legge che è a dir poco epocale per le donne nel mondo arabo. Una legge che contrasta la violenza di genere attraverso azioni strutturali e programmatiche da parte dello Stato per punire i colpevoli di violenza sulle donne attraverso un inasprimento delle pene per i colpevoli e una maggiore tutela per le vittime che dal prossimo anno avranno dalla loro parte l’entrata in vigore effettiva di una legge che protegge i loro diritti. Un atto fondamentale che determina un impegno al contrasto di tutte le forme di violenza sulle donne. L’articolo 16 della legge dichiara infatti che “tutte le forme di violenza contro le donne sono condannate senza distinzione di età, colore della pelle, religione, pensiero nazionalità, condizione sociale, status civile, stato di salute, lingua parlata ed etnìa della vittima o del colpevole.

Il punto più importante di questa legge è che elimina la possibilità ad uno stupratore di una minorenne di far ricorso al “matrimonio riparatore”. Ma la legge non si “ferma” qui, ed ecco i punti più salienti:

– Riconoscimento della violenza all’interno delle mura domestiche.

Lo Stato riconosce come violenza le azioni sessuali forzate da parte dei famigliari della vittima e del marito. In questo caso è possibile anche richiedere l’allontanamento della persona violenta e l’arresto dell’aggressore al fine di proteggere la vittima.

– Possibilità di sporgere denuncia per molestie nei luoghi pubblici.

Per molestie sessuali si intendono quelle fisiche e verbali che possano offendere la donna. Per questi reati è possibile che l’accusato sia condannato fino ad un anno di prigione.

– Formazione per il personale medico

che dovrà saper riconoscere e prevenire atti di violenza contro le donne e aiutare le vittime.

– Tutela delle donne nei luoghi di lavoro.

Il fenomeno della differenza di salario tra uomini e donne è tristemente radicato in Tunisia soprattutto nei settori privati. Un rapporto stilato da Tunisian Association for Cultural Acts ha fatto emergere che il 98% delle donne tunisine vengono pagate di meno rispetto agli uomini per fare lo stesso lavoro.

 

cover tunisia

Questa legge rappresenta un caposaldo per l’emancipazione delle donne tunisine in quanto sancisce una posizione forte dello Stato contro la violenza sulle donne nella speranza che progressivamente si riesca a marginalizzare il fenomeno culturale della stigmatizzazione delle vittime. Come descrive bene l’attivista Fatma Riahi“Quando le donne denunciano delle violenze, spesso diventano vittime anche della società, della famiglia e della polizia che le additano come le vere colpevoli per il modo in cui magari si vestono o si comportano. Molte di loro preferiscono non parlare per non doversi esporre a tali pressioni e umiliazioni. Una vera consapevolezza dei diritti della donna considerati come naturali e innegabili potrebbe portare queste donne a parlare. Di fatto questo rappresenta l’unico modo per combattere il colpevole e non regalargli l’impunità”.

Sono molto felice per le nostre amiche tunisine e spero che questa legge sia il punto di partenza per l’emancipazione delle donne in tutto il mondo arabo!

2 thoughts

  1. Bellissima notizia Martina! Quando è avvenuto? Stampa, tg e radiogiornali italiani ne hanno parlato? Dove hai trovato questa notizia? Grazie di avercela riportata e spiegata in modo così chiaro e semplice!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...